Categoria: Tecnologia

European Computer Driving Licence. Tutti i vantaggi di possedere una certificazione informatica

Logo_ECDL

ECDL è una sigla internazionale, meglio conosciuta in Italia come “Patente Europea per il Computer”. La Patente Europea del Computer è una certificazione di utilizzo del pc, introdotta nel nostro paese nel 1997 e che, in breve tempo, ha avuto un grande successo, sia come strumento per introdurre le competenze digitali in ambito scolastico, sia come strumento di riconoscimento di competenze utili per il mondo del lavoro, in particolare nella pubblica amministrazione. Continua a leggere “European Computer Driving Licence. Tutti i vantaggi di possedere una certificazione informatica”

Annunci

Le nuove tecnologie di apprendimento

E-content, Serious Game, Learning Object, piattaforme di condivisione: i nuovi strumenti di supporto all’insegnamento.
teach

Negli ultimi anni i modelli di apprendimento sono molto cambiati. Questo cambiamento è una conseguenza, in linea generale, del cambiamento delle modalità conoscitive e comunicative dell’individuo. Nella nostra società, che può essere definita come “società dell’informazione e della comunicazione” a tutti gli effetti, sta cambiando radicalmente il modo di elaborare l’informazione e condividere il sapere. Continua a leggere “Le nuove tecnologie di apprendimento”

L’importanza della tecnologia nella didattica: la lavagna interattiva multimediale

LIM2

La lavagna interattiva multimediale, o LIM, è una superficie interattiva su cui si può scrivere, disegnare, allegare immagini, riprodurre video e visualizzare testi. Si tratta di una periferica hardware che si collega al computer e che, attraverso la tecnologia touch, permette di agire direttamente su un grande schermo andando a sostituire così la classica lavagna di ardesia. Sulla LIM si utilizzano apparati di puntamento, detti in gergo “penne” e, all’occasione, anche le dita. Il sistema identifica immediatamente la posizione dello stilo o del dito sulla superficie ed esegue il  comando che si sta utilizzando in quel momento.

Continua a leggere “L’importanza della tecnologia nella didattica: la lavagna interattiva multimediale”

La cartella clinica online

 

fotolia_107732332La cartella clinica online è una delle innovazioni in ambito sanitario che si inseriscono all’interno del più ampio campo della Telemedicina. Si definisce con questo termine l’insieme delle tecniche mediche ed informatiche che permettono di fornire servizi sanitari a distanza. In diversi paesi europei la Telemedicina è praticata ormai da molti anni, tuttavia in Italia la sua diffusione si presenta ancora come non organica. Il Comitato economico e sociale europeo ha definito la Telemedicina una sorta di “rivoluzione culturale”, in quanto la sua evoluzione procede di pari passo con lo sviluppo dei sistemi di informatica applicati alla medicina. Continua a leggere “La cartella clinica online”

Disabilità: le Start-up che fanno bene all’innovazione

fotolia_107732332Le nuove realtà innovative che facilitano la vita delle persone disabili.Negli ultimi anni, da nord a sud, stiamo assistendo alla nascita di tante nuove realtà, alcune piccole, altre più ampie, che con il loro operato stanno pia­no piano cambiando il modo di intendere la disabilità e la concezione che la società ha riguardo alla vita di una per­sona disabile. In tempi di crisi, anche la disabilità, sia fisica che mentale, diventa sempre più un modo per fare impresa, sia che si tratti di start-up che hanno come fine la creazione di strumenti tecnologici di ausilio alle persone con disabi­lità, sia che si tratti di progetti di imprenditorialità di persone disabili o cooperative sociali finanziate da contributi locali. Continua a leggere “Disabilità: le Start-up che fanno bene all’innovazione”

Certificazioni EIPASS

download

Una scelta che facilita l’inserimento nel mondo del lavoro e amplia le conoscenze informatiche

L’utilizzo corretto e funzionale delle nuove tecnologie, e in particolare del computer, è una skill sempre più richiesta all’interno del mondo del lavoro. In alcuni settori lavorativi sono i dirigenti a predisporre piani di formazione ed aggiornamento per i propri dipendenti, ma in molti contesti lavorativi sono gli stessi lavoratori ad adeguarsi anno dopo anno ai cambiamenti tecnologici in atto. Oggi risulta necessario avvicinarsi al mondo dell’ICT sopratutto per tutte quelle persone che devono inserirsi o riqualificarsi dopo un periodo di disoccupazione. Continua a leggere “Certificazioni EIPASS”

GyroGlove: il guanto che frena i sintomi del Parkinson

Gyro-glove-featured

La tecnologia che viene incontro alla vita di tutti i giorni.

Si chiama  ed è un guanto hi-tech ide­ato da uno studente di medicina, Faii Ong, dell’Impe­rial College di Londra, il nuovo rimedio che permetterebbe di alleviare il tremore delle mani nelle persone affette dal morbo di Parkinson. Sono molte le persone affette da questa ma­lattia neurodegenerativa che incide sul controllo dei movi­menti e dell’equilibrio. Queste persone vivono una vita prati­ca molto difficile, basti pensare alle difficoltà basilari in sem­plici attività quali il mangiare, il cambiarsi di abito e l’andare in bagno. Al momento molti passi avanti sono stati fatti per tentare di rendere più semplice la vita delle persone affette da Parkinson: gadget e medicinali di varia natura hanno trovato spazio nella quotidianità dei malati. Continua a leggere “GyroGlove: il guanto che frena i sintomi del Parkinson”

Disabilità: le tecnologie assistive digitali sul luogo di lavoro

L’AgID ha prodotto un testo di sussidio a disposizione dei datori di lavoro.

Detail of a disabled man on a wheelchair

Nel 2015 l’AgID, Agenzia per l’Italia Digitale, ha finalmente stabilito quali sono le specifiche tecni­che sull’hardware, il software e le tecnologie assistive delle postazioni di lavoro a dispo­sizione del dipendente con disabilità, in modo da fornire indicazioni a datori di lavo­ro pubblici e privati rispetto all’identificazione della stru­mentazione e delle tecnologie più idonee allo svolgimento dei compiti assegnati ai dipendenti con disabilità. Il documento in questione è stato condiviso con Continua a leggere “Disabilità: le tecnologie assistive digitali sul luogo di lavoro”

Le novità della Cartella Clinica Online

0007758211B-1920x1440

La cartella clinica online è una delle innovazioni in ambito sanitario che si inseriscono all’interno del più ampio campo della Telemedicina. Si definisce con questo termine l’insieme delle tecniche mediche ed informatiche che permettono di fornire servizi sanitari a distanza. In diversi paesi europei la Telemedicina è praticata ormai da molti anni, tuttavia in Italia la sua diffusione si presenta ancora come non organica. Il Comitato economico e sociale europeo ha definito la Telemedicina una sorta di “rivoluzione culturale”, in quanto la sua evoluzione procede di pari passo con lo sviluppo dei sistemi di informatica applicati alla medicina.

Il campo della Telemedicina offre una quantità importante di strumenti in grado di trovare nuove risposte a problemi tradizionali della medicina e, nello stesso tempo, consente di creare nuove interessanti opportunità del servizio sanitario tramite la collaborazione più immediata tra i vari professionisti sanitari coinvolti e i pazienti. Tra i molti aspetti innovativi che questo campo presenta, sono annoverabili:

  • l’equità dell’accesso alle informazioni sanitarie e la disponibilità di un’assistenza sanitaria anche in zone difficilmente accessibili, come le isole, i piccoli paesi di montagna e le aree rurali mal collegate con i centri urbani;
  • la migliore qualità all’assistenza, attraverso strumenti come il telemonitoraggio dei pazienti, anche ai fini de una de-ospedalizzazione precoce;
  • la maggiore efficienza ed appropriatezza nella diffusione delle informazioni al paziente.

Uno strumento che si sta rivelando assai importante è la cartella clinica online. Si tratta di una cartella digitale che permette agli operatori sanitari autorizzati di inserire, visualizzare ed integrare in tempo reale i dati relativi alla storia clinica del paziente (sintomi, diagnosi, esami, terapie farmacologiche). La cartella consente di ottimizzare tutto il flusso delle informazioni relative al paziente, di fornire assistenza, di registrare i dati in maniera coerente e ordinata, di creare degli spazi comunicativi tra medici e di esplorare dati per studi clinici osservazionali.

Con l’utilizzo della cartella clinica online diventa molto più semplice la gestione dei dati: questo strumento offre infatti la possibilità di inserire esito e note di tutte le terapie farmacologiche pianificate dall’operatore sanitario. La terapia può essere comunicata al paziente anche via sms e lo stesso può ricevere un avvertimento sulla singola somministrazione della terapia. L’agenda permette anche di gestire le prenotazioni e gli appuntamenti in modo efficiente, riducendo così i tempi e i costi di gestione, il rischio di errori e la sovrapproduzione di materiale cartaceo, le cui informazioni si rivelano di difficile reperimento qualora le si ricerchi in un secondo momento. In caso di cambiamenti e variazioni sulle date e gli orari degli appuntamenti, l’agenda consente di procedere all’invio di queste ultime direttamente al paziente, tramite sms o email.

Su questa piattaforma il paziente può interagire con uno o più specialisti senza spostarsi da casa e senza dover affrontare file agli sportelli. È logico che la comunicazione diventa in questo modo molto rapida.  La riduzione dei costi e l’abolizione degli spazi sono due tra gli aspetti più rivoluzionari di questo strumento, in Italia ancora poco diffuso. Il contenimento della spesa è reso possibile attraverso un sensibile aumento dell’efficienza delle attività sanitarie, tra cui:

  • riduzione del lavoro gestionale;
  • ottimizzazione dei tempi di ricovero;
  • razionalizzazione delle visite ospedaliere;
  • ottimizzazione delle terapie e della gestione dei farmaci.

La cartella clinica online è consultabile ovunque e il suo utilizzo è molto semplice ed immediato.

 

L’importanza della tecnologia nella didattica: la Lavagna Interattiva Multimediale

happy students of different age taking active part in discussion

La lavagna interattiva multimediale, o LIM, è una superficie interattiva su cui si può scrivere, disegnare, allegare immagini, riprodurre video e visualizzare testi. Si tratta di una periferica hardware che si collega al computer e che, attraverso la tecnologia touch, permette di agire direttamente su un grande schermo andando a sostituire così la classica lavagna di ardesia. Sulla LIM si utilizzano apparati di puntamento, detti in gergo “penne” e, all’occasione, anche le dita. Il sistema identifica immediatamente la posizione dello stilo o del dito sulla superficie ed esegue il comando che si sta utilizzando in quel momento. Favorendo l’apprendimento principalmente visivo, la lavagna elettronica costituisce nella scuola un utile e innovativo strumento didattico, in grado di rispondere a molte esigenze della maggior parte degli studenti, compresi soprattutto quelli con “bisogni educativi speciali”, come nel caso di alunni disabili, studenti stranieri di recente immigrazione e studenti con DSA (dislessia). Inoltre, l’uso della LIM permette un apprendimento agevolato per gli studenti con problemi di vista e di udito, potendo regolare la grandezza delle immagini e il volume dell’audio. Stimola dunque vari canali percettivi, venendo incontro alle svariate esigenze degli alunni e dei loro educatori. Negli ultimi anni, specialmente in ambito pedagogico, si è dibattuto molto sulla necessità di stimolare, nella didattica, il maggior numero possibile di canali percettivi. I punti di forza della LIM consistono nella chiarezza degli stimoli, nelle dimensioni delle immagini, nella presenza di uno schermo didattico, nella possibilità di creare, spostare e gestire i documenti in maniera del tutto personalizzata. La tecnologia innovativa della lavagna interattiva permette di venire incontro alle esigenze specifiche dei suoi fruitori, cosa che prima dell’avvento della tecnologia nella didattica non era possibile. Stimolando più canali percettivi, la lavagna consente inoltre di alleggerire il lavoro dell’insegnante, riuscendo, se utilizzata correttamente, a tenere viva l’attenzione degli studenti e consentendo loro un apprendimento più rapido. Inoltre, l’utilizzo degli elementi visivi stimola:

  • le capacità dello studente di analizzare ed elaborare le informazioni;

  • le capacità di astrazione;

  • la memoria;

  • l’apprendimento cooperativo;

  • la capacità di concentrazione;

  • la motivazione e il coinvolgimento attivo.

Tuttavia, occorre ribadire che da sola la LIM non è in grado di esprimere al meglio tutte le sue potenzialità. Occorre, infatti, che l’insegnante dimostri una certa conoscenza riguardo al suo funzionamento e più l’insegnante stesso possiede familiarità e dimestichezza con lo strumento, maggiormente quest’ultimo costituirà un apporto fondamentale all’apprendimento. Un intervento formativo sui docenti si rivela dunque di grande importanza e ultimamente si sono attivati percorsi didattici in grado di fornire agli insegnanti gli strumenti necessari per un approccio completo all’utilizzo della LIM.

Giovanni Biondi, a capo del Dipartimento per la programmazione del Ministero dell’Istruzione, preposto, tra le altre cose, alla gestione e allo sviluppo dei sistemi informativi del Ministero, nel testo LIM, a scuola con la Lavagna Interattiva Multimediale, definisce quest’ultima come “un’opera di ri-mediazione” che «non si limita più a interfacciarsi con uno o più libri che ‘parlano di…’ ma acquista nuove dimensioni».

Molto positive sono le considerazioni di alcuni insegnanti interpellati sulle potenzialità della LIM. “Grazie all’uso della LIM,sono sempre più i ragazzi che lavorano in classe, costruiscono, manipolano, interagiscono sotto la mia guida attenta e presente; ho rilevato un deciso cambiamento nel loro livello di attenzione e motivazione a imparare”; e poi: “con il compasso digitale della LIM è tutto un altro mondo, l’attenzione dei ragazzi è totale e il risultato è quasi immediato”, sono solo alcuni dei commenti positivi che gli insegnanti hanno nei confronti dell’utilizzo della tecnologia durante le loro lezioni. In sostanza, “gli studenti danno prova della assoluta naturalezza con cui si relazionano e dell’immediatezza con cui metabolizzano una tecnologia nuova, mai vista prima”.