Categoria: Operatori Socio Sanitari – OSS

Riforma delle professioni sanitarie: riconosciuta l’Area Socio-sanitaria degli OSS

Close positive relationship between senior patient and caregiver

Che cosa cambia con la nascita dell’Area Socio-Sanitaria per la professione di OSS

È una vera e propria rivoluzione quella in arrivo per le professioni sanitarie: è sempre più una realtà che nei prossimi mesi gli OSS, gli Operatori Socio Sanitari, potranno essere riconosciuti professionisti a tutti gli effetti e gli infermieri potranno guadagnare il ruolo di “specialisti”. Queste sono le novità presenti sulla bozza del nuovo documento di indirizzo “Personale dei livelli – Triennio contrattuale 2016/2018“, messo in piedi dal Comitato di Settore Comparto Regioni e Sanità. Continua a leggere “Riforma delle professioni sanitarie: riconosciuta l’Area Socio-sanitaria degli OSS”

Annunci

La figura dell’Operatore Socio Sanitario: un’assistenza professionale riconosciuta

Senior woman eats lunch at retirement home

L’Operatore Socio Sanitario (OSS) è una figura che presta la propria professionalità in ambito sanitario e dell’assistenza sociale, aiutando le persone a soddisfare i propri bisogni primari, a favorire il loro benessere e l’autonomia. L’OSS aiuta le persone che hanno problemi sociali o di malattia, come gli anziani, i disabili, i soggetti con problemi psichiatrici e i degenti in ospedale. L’OSS assiste, alle volte per periodi molto prolungati, i suoi pazienti e le sue attività riguardano principalmente: l’assistenza diretta alla persona e l’aiuto complementare alle attività di assistenza e tutela svolte da altri operatori per il miglioramento delle condizioni di vita del paziente stesso. Per questo, l’OSS collabora attivamente con altri operatori professionali che lavorano in servizi che si occupano di assistenza sanitaria e sociale. Continua a leggere “La figura dell’Operatore Socio Sanitario: un’assistenza professionale riconosciuta”

Le novità della Cartella Clinica Online

0007758211B-1920x1440

La cartella clinica online è una delle innovazioni in ambito sanitario che si inseriscono all’interno del più ampio campo della Telemedicina. Si definisce con questo termine l’insieme delle tecniche mediche ed informatiche che permettono di fornire servizi sanitari a distanza. In diversi paesi europei la Telemedicina è praticata ormai da molti anni, tuttavia in Italia la sua diffusione si presenta ancora come non organica. Il Comitato economico e sociale europeo ha definito la Telemedicina una sorta di “rivoluzione culturale”, in quanto la sua evoluzione procede di pari passo con lo sviluppo dei sistemi di informatica applicati alla medicina.

Il campo della Telemedicina offre una quantità importante di strumenti in grado di trovare nuove risposte a problemi tradizionali della medicina e, nello stesso tempo, consente di creare nuove interessanti opportunità del servizio sanitario tramite la collaborazione più immediata tra i vari professionisti sanitari coinvolti e i pazienti. Tra i molti aspetti innovativi che questo campo presenta, sono annoverabili:

  • l’equità dell’accesso alle informazioni sanitarie e la disponibilità di un’assistenza sanitaria anche in zone difficilmente accessibili, come le isole, i piccoli paesi di montagna e le aree rurali mal collegate con i centri urbani;
  • la migliore qualità all’assistenza, attraverso strumenti come il telemonitoraggio dei pazienti, anche ai fini de una de-ospedalizzazione precoce;
  • la maggiore efficienza ed appropriatezza nella diffusione delle informazioni al paziente.

Uno strumento che si sta rivelando assai importante è la cartella clinica online. Si tratta di una cartella digitale che permette agli operatori sanitari autorizzati di inserire, visualizzare ed integrare in tempo reale i dati relativi alla storia clinica del paziente (sintomi, diagnosi, esami, terapie farmacologiche). La cartella consente di ottimizzare tutto il flusso delle informazioni relative al paziente, di fornire assistenza, di registrare i dati in maniera coerente e ordinata, di creare degli spazi comunicativi tra medici e di esplorare dati per studi clinici osservazionali.

Con l’utilizzo della cartella clinica online diventa molto più semplice la gestione dei dati: questo strumento offre infatti la possibilità di inserire esito e note di tutte le terapie farmacologiche pianificate dall’operatore sanitario. La terapia può essere comunicata al paziente anche via sms e lo stesso può ricevere un avvertimento sulla singola somministrazione della terapia. L’agenda permette anche di gestire le prenotazioni e gli appuntamenti in modo efficiente, riducendo così i tempi e i costi di gestione, il rischio di errori e la sovrapproduzione di materiale cartaceo, le cui informazioni si rivelano di difficile reperimento qualora le si ricerchi in un secondo momento. In caso di cambiamenti e variazioni sulle date e gli orari degli appuntamenti, l’agenda consente di procedere all’invio di queste ultime direttamente al paziente, tramite sms o email.

Su questa piattaforma il paziente può interagire con uno o più specialisti senza spostarsi da casa e senza dover affrontare file agli sportelli. È logico che la comunicazione diventa in questo modo molto rapida.  La riduzione dei costi e l’abolizione degli spazi sono due tra gli aspetti più rivoluzionari di questo strumento, in Italia ancora poco diffuso. Il contenimento della spesa è reso possibile attraverso un sensibile aumento dell’efficienza delle attività sanitarie, tra cui:

  • riduzione del lavoro gestionale;
  • ottimizzazione dei tempi di ricovero;
  • razionalizzazione delle visite ospedaliere;
  • ottimizzazione delle terapie e della gestione dei farmaci.

La cartella clinica online è consultabile ovunque e il suo utilizzo è molto semplice ed immediato.

 

L’Operatore Socio Sanitario. Un’assistenza professionale riconosciuta.

Helping hand

Curarsi in modo scrupoloso e attento degli altri, prestare attenzione alle piccole e grandi pratiche quotidiane assistendo con empatia e prontezza un essere umano, è un grande atto d’amore, ma anche di professionalità. Quando una persona è malata o non può più rispondere autonomamente alle proprie esigenze a causa dell’età o di un handicap, è spesso necessario un intervento extrafamiliare professionale.

L’Operatore Socio Sanitario (OSS) è una figura riconosciuta a livello nazionale che si occupa di tutte quelle persone in difficoltà rispondendo ai loro bisogni quotidiani come l’aiuto domestico, la pulizia degli ambienti e degli oggetti utilizzati, l’assistenza igienico-sanitaria, l’aiuto nelle ore dei pasti, il supporto psicologico e l’affiancamento nei momenti di socializzazione.

L’OSS opera nelle cooperative, all’interno di enti pubblici e privati come ospedali, comunità di accoglienza, centri diurni, residenze per anziani e disabili, presso comunità semi-residenziali per la prevenzione del disagio e dell’emarginazione e/o presso l’alloggio dei pazienti.

A seguito delle disposizione dei Ministeri della Sanità e della Solidarietà Sociale, la figura dell’OSS è andata a sostituire quella dell’Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari incorporando sotto un unico titolo le figure dell’Assistente Domiciliare e dell’Operatore Tecnico addetto all’Assistenza.

La formazione dell’OSS è di competenza delle Regioni e delle Province Autonome che ogni anno organizzano corsi ad hoc finanziati dal Fondo Sociale Europeo e da fondi regionali specifici.

Al termine del percorso formativo ogni OSS avrà acquisito competenze nell’area igienico/sanitaria, nell’area psicologico/sociale, in quella tecnico/operativa ma anche in quella istituzionale e legislativa. Oltre ad assistere l’utente nelle attività quotidiane, dovrà quindi essere in grado di agevolare la persona e i suoi famigliari nell’accesso alle risorse e ai servizi socio-sanitari presenti sul territorio.

All’interno delle strutture domiciliari, ospedaliere e diurne l’OSS, inoltre, opera a stretto contatto con il personale medico per tutte quelle attività che riguardano la riabilitazione psico-motoria e la socializzazione.

Sebbene l’OSS sia una figura polivalente e preparata in ambito socio/sanitario ed assistenziale è bene che, come tutte le figure che operano in campo medico, sia sempre aggiornata professionalmente per saper rispondere al meglio ai bisogni e alla esigenze del paziente.

E’ bene ricordare che, oltre a prendersi cura delle necessità primarie e mediche dei propri accuditi, l’OSS deve essere in grado di relazionarsi efficacemente con etica e attenzione. Proprio per questo le competenze psicologiche e relazionali divengono sempre più pregnanti per assistere al meglio una persona in difficoltà, per saperle trasmettere positività, per affrontare adeguatamente le difficoltà nella relazione, gli imprevisti e le ricadute.

L’OSS quindi, figura poliedrica e competente, deve saper affiancare al meglio i propri pazienti nella loro vita di tutti i giorni, relazionandosi con i servizi sanitari, favorendo il benessere e l’autonomia dei propri pazienti per un assistenza completa e puntuale.

Se vuoi diventare un Operatore Socio Sanitario, puoi trovare maggiori informazioni sui corsi riconosciuti qui