I presidi contro il ddl concretezza

I presidi contro il ddl concretezza

Presidi in rivolta contro il decreto-concretezza della ministra Giulia Bongiorno, approvato alla Camera dei deputati e in discussione al Senato, che prevede il controllo dei dipendenti pubblici per prevenire l’assenteismo tramite controlli biometrici (come le impronte digitali o la scansione dell’iride) e un sistema di videosorveglianza nei luoghi di lavoro. Tutto il pubblico impiego sarà investito da questa riforma ad eccezione dei docenti che, usando già il registro elettronico, certificano la loro presenza a scuola. Lo scopo della riforma della Pa è quello di favorire la digitalizzazione, semplificare i processi amministrativi e controllare la gestione e l’attività ispettiva. Ma a questo punto insorgono i dirigenti scolastici che, in quanto dipendenti pubblici, dovranno subire lo stesso trattamento per certificare la presenza con le impronte digitali. Il problema si pone in virtù del loro stesso lavoro in quanto i presidi non sempre sono vincolati all’orario d’ufficio o a una sola sede di lavoro quindi come controllare l’effettiva presenza?

I sindacati ANIEF e UDIR hanno proclamato lo sciopero generale indetto per il prossimo 17 Maggio e chiedono il riesame di questa norma inserita nel disegno di legge. I presidi considerano questa misura “grottesca” e “umiliante”, la quale paralizza il funzionamento delle istituzioni scolastiche. I ministri della Pa Bongiorno e della Scuola Bussetti si dicono favorevoli a tale misura per motivi di sicurezza e trasparenza considerano i controlli biometrici non come una misura punitiva, ma piuttosto come una precauzione che evita assenteismo e garantisce il buon funzionamento del sistema scolastico. Infine i presidi rientrano nella categoria di dirigenti pubblici contrattualizzati e come tali devono comportarsi.

caa-01

Restano da chiarire le modalità di attuazione di questi controlli e la spesa per le nuove apparecchiature da installare nei 42mila edifici scolastici. Aspettiamo di sapere se il Senato modificherà il ddl e recepirà le istanze dei presidi d’Italia.

Scopri il nostro corso sulla Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA) e trova la prossima edizione visitando il sito web www.minervasapiens.it 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...