Giorno: 7 giugno 2016

SLA: le nuove frontiere mediche nello studio della malattia

Brain research challenges as a medical concept with a science doctor walking on a human neuron connection as a highwire tight rope metaphor through a maze of neurons as an icon of finding a cure for autism alzheimers and dementia.

Il progresso della medicina nello studio delle malattie rare.

La sclerosi laterale amio­trofica, più comunemen­te conosciuta con la sigla di SLA, è una grave malattia degenerativa che colpisce le cellule cerebrali preposte al controllo dei muscoli, compro­mettendo progressivamente i movimenti della muscolatura volontaria. Si tratta fortuna­tamente di una malattia rara, con un’incidenza nel nostro paese di circa 2/3 casi su circa 100mila persone. Generalmen­te si manifesta in soggetti con un’età superiore ai 40 anni, con maggior frequenza negli uomini piuttosto che nelle donne. Come per tutte le ma­lattie rare, anche per quanto riguarda la SLA ancora non si è a conoscenza di quali siano le sue cause, tuttavia, si è ormai a conoscenza che si tratti di una malattia determinata da una concomitanza di fattori. Continua a leggere “SLA: le nuove frontiere mediche nello studio della malattia”

AEC: come richiedere il suo intervento a scuola

disabled boy in wheelchair doing homework

Le famiglie possono fare richiesta dell’AEC al Comune o al Municipio di residenza.

L’Assistente Educativo Culturale è una figura sempre più importan­te e preziosa per le scuole: si tratta di un operatore chiamato dalla scuola stessa per forni­re prestazioni di supporto e di assistenza agli alunni con disabilità. L’AEC si occupa di quei bambini o ragazzi che hanno ottenuto la certifica­zione di disabilità della ASL e che quindi, secondo la legge 104/92, hanno diritto a misure di sostegno e di integrazione. Questa importante figura ope­ra in sinergia con l’insegnante di sostegno per un monte di ore settimanale congruo con il livello di gravità della disabilità (la valutazione viene fatta dalla ASL). Per usufruire dell’assi­stenza è necessario presentare la richiesta al municipio o al Comune di residenza, sotto­scritta dal genitore o da chi eserciti la patria potestà. La richiesta deve essere corredata di: Continua a leggere “AEC: come richiedere il suo intervento a scuola”